+ CHI SIAMO + TIPOLOGIE + PREVENTIVI ON LINE + CONTATTI 
 
 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
   

SISTEMA A DOPPIA PENDENZA

1. Scossalina
2. Guaina in poliestere
3. Lastre in fibrocemento o materiali metallici
4. Materassino isolante
5. Listelli in legno
6. Tegoli di copertura
7. Travi doppia pendenza
8. Pluviale
9. Pilastri
10. Pannello

DISEGNO TECNICO  
INFORMAZIONI
  VEDI FOTO : [1] [2] [3] [4] [5]

SISTEMA A DOPPIA PENDENZA: Il Sistema a doppia pendenza e' uno dei piu' diffusi e tradizionali sistemi di copertura industriale , con valide prestazioni e caratterizzato dalla indiscutibile liberta' dimensionale tipica dei sistemi di suddivisione a ''navate'', ideali per avere lunghe fascie accostate continue di capannoni liberi da colonne.

Le prime applicazioni della Beton Piave risalgono addirittura agli anni 60 e da allora la http://www.prws.co.uk/ tipologia e' stata solo minimamante modificata . Nonostante siano quindi trascorsi quarant'anni ancora oggi il sistema viene assai apprezzato dal mercato per merito di alcuni aspetti a cui difficilmente si rinuncia , quali la spaziosita' e razionalita' nell'uso dello spazio , la luminosita' , oltreche' per il prezzo di fascia medio-bassa, e quindi sempre competitivo.

Se gli aspetti tecnici fin qui rilevati ne fanno un sistema costruttivo di indubbio successo ,non mancano altresi' insospettabili caratteristiche di flessibilita' .

La struttura si compone dalle travi a doppia falda ( capriate), aventi pendenza del 12 % ( superiore alla media , quindi piu' sicure dal punto di vista meteorico) interassate mediamente intono agli 8-10 metri. Sopra queste si dipongono dei tegoli TT binervati di altezza 40 - 45 cm.

Le capriate hanno altezza di colmo variabile da 168 a 241 cm e possono raggiungere lunghezze superiori ai 30 metri.

Il manto di copertura puo' essere di tipo continuo, ovvero realizzato con pacchetti di isolante e doppia guaina al poliestere, per le zone a forte rischio neve, oppure con manti discontinui che prevedono un isolamento con lana di vetro e l'impermebilizzazione con l'utilizzo di lastre sormontante ondulate o grecate in fibrocemento o materiali metallici quali aluzinc (R), lamiera d'acciaio zincata e preverniciata od alluminio.

La pedonabilita' della copertura per la manutenzione e' sempre garantita sull'intera copertura, mentre sui lucernari si dispongono delle reti di protezione anticaduta.

Si possono raggiungere prestazioni di resistenza al fuoco di 30-60-90-120 minuti primi.

Gli elementi sono provvisti dei meccanismi di aggancio dei sistemi di sicurezza utili sia durante il montaggio che a capannone finito per le future manutenzioni in quota.

Il peso della struttura e' classificato medio , la classe di prezzo si colloca a meta' strada tra una soluzione economica quale la copertura tipo Y ed una copertura piu' pregiata quale il sistema piano con tegoli TT.

Il sistema permette la realizzazione di lucernari zenitali in falda o sul colmo in resina poliestere o policarbonato alveolare, fissi od apribili motorizzati. Sempre sul colmo infine e' possibile montare fascie continue di serramenti a shed per la realizzazione di ulteriore illuminazione indiretta, eventualmente apribili .

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------